GLI STRUMENTI PER LA RACCOLTA DI ORDINI E LE EMAIL AZIENDALI

Venerdì, 15 Settembre, 2017

Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un aumento delle richieste, da parte della case mandanti, di utilizzo, per la raccolta di ordini, di programmi specifici e/o di tablet forniti dalle aziende stesse. In aggiunta a questo, all’agente viene chiesto di utilizzare un’email aziendale interna per le comunicazioni e/o per l’invio degli ordini. Fermo restando che è difficile imporre alla casa mandante, che decide di utilizzare questi sistemi, di operare diversamente, riteniamo opportuno mettere in guardia la Categoria sui problemi legati all’utilizzo di questi nuovi mezzi o programmi. Suggeriamo attenzione nel conservare sempre ciò che si invia con email aziendali o con gli strumenti messi a disposizione della casa mandante. Quando un rapporto cessa, infatti, la casa mandante spesso chiude questi account, ritira gli strumenti consegnati all’agente o non permette più a quest’ultimo di accedere a programmi specifici o archivi. Se l’agente, durante il rapporto, non ha avuto l’accortezza di fare copia di ciò che invia, diventa complicato recuperare i dati necessari per un’eventuale vostra difesa perché, con il ritiro di questi strumenti, non abbiamo più accesso a determinati documenti. Attraverso i tablet messi a disposizione dalle aziende, inoltre, è possibile verificare la posizione dell’agente e monitorare i suoi movimenti. Vi suggeriamo, per le comunicazioni con le aziende, di utilizzare sempre una vostra email personale in modo che resti sempre copia di ciò che si invia. Se questo non è possibile, e dovete utilizzare un’email aziendale, un sistema banale ma funzionale è quello di inserire sempre tra i destinatari anche una vostra email personale. In questo modo, avrete sempre copia nei vostri archivi di ciò che inviate. Sull’utilizzo dei sistemi informatici per monitorare l’attività dell’agente, al momento non abbiamo una casistica, o delle sentenze specifiche, pertanto, nei limiti del possibile, vi invitiamo ad evitare di usare questi mezzi. Ad oggi, per quanto ne sappiamo, nessuna azienda ha utilizzato questi strumenti per dimostrare un inadempimento dell’agente e vi invitiamo a segnalarci eventuali casi di questo tipo. Trattandosi di nuove “tecniche”, messe in atto di recente dalle case mandanti, vi invitiamo a segnalarci eventuali abusi rispetto all’utilizzo di questi strumenti. Ulteriori e più complete informazioni le potete trovare presso i nostri sportelli in tutta Italia che trovate sul nostro sito al link http://www.fisascatcislagenti.it/site/dove-siamo

Air Force 1 High